Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Le sorgenti del fiume Peschiera sono delle sorgenti formate dal fiume Peschiera, affluente del fiume Velino, situate in provincia di Rieti, nella Piana di San Vittorino, pochi chilometri ad Est del Comune di Cittaducale e ad ovest del Comune di Castel Sant’Angelo.

Si tratta di sorgenti valchiusane, con una portata media eccezionale dell’ordine di 17-18 m³/s (17 000 – 18 000 litri/s). Sono le seconde in Italia e le maggiori di tutto l’Appennino.

Sgorgano alle pendici di un vasto massiccio calcareo, il Monte Nuria, interessato da numerosi sistemi di fratture e da un carsismo accentuato. Per la sua straordinaria abbondanza d’acqua tale sorgente ha destato grande interesse nei tecnici che concepirono l’Acquedotto del Peschiera-Capore già nel lontano 1908.

Lo sfruttamento delle sue acque però aveva già precedenti; convogliate nel fiume Nera attraverso il Velino, le risorse idriche erano oggetto di alcune concessioni per la produzione di energia elettrica da fonte idroelettrica. Per arrivare a poter utilizzare la portata finale addotta da tali sorgenti attraverso l’acquedotto del Peschiera-Capore perciò la città di Roma dovette risolvere questo contenzioso con le concessioni precedenti. Dal 1937 queste sorgenti alimentano il sistema acquedottistico Peschiera-Capore. Attualmente la portata prelevata da tale acquedotto è pari a circa 9,5 m³/s.

L’intera area è meta di escursioni a piedi, a cavallo e in MTB soprattutto nei mesi estivi.